Un’evidenza statistica molto chiara, pone alcuni dubbi sulla rilevazione dell’alea di rischio nelle polizze Rca, specificamente per i cittadini stranieri, che si trovano ad affrontare maggiori costi rispetto agli italiani.

Tra i fattori umani che influenzano i parametri economici della Rca, ci sono dati che si appoggiano a calcoli statistici, anche se talvolta rimangono legati a fattori che richiamano più ad un opinione che ad un risultato di calcolo, e quindi sono passibili di forte critica. È ovvio che qualsiasi dettaglio può essere oggetto di statistica, eppure per le compagnie di assicurazione alcune variabili vengono amplificate da pregiudizi oltre che dalla realtà dei fatti. Le discriminanti più importanti nella costruzione di una polizza assicurativa, sono la provincia di residenza, l’età, il sesso d’appartenenza e l’etnia d’origine.

Proprio riguardo agli extracomunitari, si aggiunge una ulteriore misura aggravante motivata forse da una scarsa fiducia o dal fatto di potersi rivalere economicamente con più difficoltà rispetto ad un ipotetica necessità analoga per un cittadino italiano. In ogni caso ne risulta un atteggiamento ai limiti della legittimazione legale, come conferma il Testo Unico sull’Immigrazione all’Art. 43, che vieta esplicitamente di impostare il trattamento economico su basi etniche o di nazionalità. Leggiamo infatti «compie un atto di discriminazione chiunque imponga condizioni più svantaggiose o si rifiuti di fornire beni o servizi offerti al pubblico ad uno straniero soltanto a causa della sua condizione di straniero, o di appartenente ad una determinata razza, religione, etnia o nazionalità».

Nel caso in cui i cittadini stranieri acquisiscano la cittadinanza italiana, – con uguali parametri d’assunzione – vedrebbero di colpo migliorare le condizioni economiche delle tariffazioni Rca, a dimostrazione di una palese incongruenza nelle valutazioni che le compagnie di assicurazioni potrebbero applicare.

Dunque rimane determinante la capacità di negoziazione, per la quale potete contare sulle vostre forze oppure affidarvi alle consulenze e convenzioni RCAiUTO, avvantaggiate dal fatto che le agenzie plurimandatarie possono avvalersi di un campo d’azione più ampio per le transazioni e aprire trattative con molte compagnie assicurative contemporaneamente.

Annunci

Con l’arrivo dell’autunno e delle giornate grigie, nelle maggiori città aumenta l’utilizzo delle minicar, dato che questi veicoli riescono a proteggere meglio dal freddo e dalla pioggia, rispetto a scooter e ciclomotori, pur conservando le caratteristiche dei mezzi di spostamento più maneggevoli e leggeri. La circolazione sulle minicar è particolarmente gradita ai più giovani, desiderosi di avere un primo approccio verso la guida “stile auto” ed è comunque avvantaggiata nel traffico cittadino intenso, dove non sono necessarie prestazioni potenti di cilindrate medio-alte.

Se l’aspetto estetico può trarre in inganno, in realtà le minicar sono dei ciclomotori, sebbene dispongano di motori normalmente più potenti rispetto al classico “cinquantino” a due ruote. Le categorie di guidatori (giovani e minorenni, o in misura minore pensionati), unitamente alla tipologia di veicolo (classificato come ciclomotore), rendono le minicar un prodotto che incontra molte difficoltà in materia assicurativa.

L’equivoco più frequente è quello della richiesta di applicazione del decreto Bersani, che i proprietari ingenuamente sollecitano dopo l’acquisto di una minicar, ma è un’ipotesi che non trova fondamento posto che l’evidenza è ben riportata sul libretto del veicolo. Non è un’auto, non è equiparabile a motociclo o motocarro, quindi non si può attribuire la Classe Universale di un altro mezzo in possesso.

Da queste premesse è facile dedurre che i costi della Rca subiscono degli incrementi fortemente penalizzanti, riducendo il campo d’azione verso il risparmio sulle coperture. Il web, stavolta, è davvero poco efficace, basti tener presente che spesso le minicar non sono neanche contemplate nei menù a tendina o tra i veicoli da scegliere, oppure non è possibile inserire il modello da assicurare. Dunque i preventivatori online non forniscono alcuna risorsa alternativa.

Ecco un chiaro esempio di un ambito nel quale le agenzie plurimandatarie riescono a fornire il servizio di consulenza più conveniente nel panorama assicurativo tra web e agenzie territoriali, sia dal punto di vista dell’assistenza che nella determinazione dei preventivi più economici.

La RCA è diventata sempre più un problema nel corso degli ultimi anni. La CGIA di Mestre, facendo un calcolo medio sui costi assicurativi del triennio 2008/2010, ha fornito un dato di spesa di 522 euro (ripetiamo: costo medio per ogni veicolo, quindi include auto, moto, scooter, autocarri, auto elettriche, ciclomotori, ecc.). Questi dati già allarmanti, sono stati aggravati ulteriormente dal 2011 ad oggi, da aumenti sulla fiscalità e da rincari attribuiti dalle compagnie assicurative, che incidono dal 6% fino al 19% per neopatentati, cittadini stranieri e categorie più a rischio. Se aggiungiamo questa spesa media di 78 euro ai 522 dell’anno precedente, è possibile fissare la stima di costo medio per italiano a 600 euro annui, per le auto si arriva a toccare la cifra di 1320 euro. Recentemente, la Federconsumatori ha reso pubblica una tabellache espone la cruda evidenza degli aumenti delle tariffe, sinteticamente espressa in un numero: 98% in più dal 2001 ad oggi.

Il decreto delle liberalizzazioni non ha risolto né alleviato queste problematiche. Gli incidenti sono diminuiti del 22%. Eppure continuiamo a sentire che l’eccessivo costo delle polizze è dovuto alle spese sostenute dalle compagnie per i risarcimenti delle lesioni personali (tipo il colpo di frusta, una casistica per la quale l’Italia è davvero campione del mondo), oppure imputabile alla compensazione di numerose frodi che finiscono per penalizzare tutti. Certamente queste condizioni peggiorano le stime tariffarie delle società di assicurazioni che operano sul territorio italiano, ed è una realtà che richiederebbe strategie e approcci diversi da parte delle compagnie (ne riparleremo).

Ma senza dubbio c’è un altro aspetto sul quale vale la pena di soffermarsi. Come possono esercitare una reale e aperta concorrenza agenzie che di solito sono impiantate sul territorio e si ripartiscono i clienti su uno schema fisico basato sulla residenza degli assicurati?

Vediamo infatti che le risorse online stanno rimontando sempre più competitività rispetto alle agenzie tradizionali. Molte compagnie hanno un sito internet oppure operano esclusivamente online ed a telefono, ma non si può pretendere che consulenti legati ad un marchio assicurativo possano presentare varie alternative favorevoli.. Un’altra alternativa è rappresentata dai preventivatori comparativi, che però, elaborando freddamente solo pochi dati, quasi mai hanno una corrispondenza diretta con i preventivi fatti singolarmente con ogni compagnia. Pur fornendo un servizio analogo nell’erogazione delle coperture assicurative, quindi, mancano nell’essenziale supporto umano di consulenza.

RCAiUTO può contribuire a realizzare polizze ben impostate e costruite su bisogni e parametri che sono qualitativamente diversi per ogni persona. Ma c’è di più: disporre delle migliori condizioni di mercato in libera concorrenza, vuol dire tener presente l’intero panorama delle offerte assicurative e richiede riferimenti ad agenzie plurimandatarie. Ecco perché pensiamo di potervi proporre i migliori preventivi. Ad ognuno la sua soluzione.